lunedì 22 dicembre 2014

Sul comodino #13

Sono sparita per un sacco di tempo e mi dispiace ;_; Ma almeno un post prima di Natale ci tenevo a farlo ed eccolo qui.

sul comodino

Non ho scusanti, ahimè mi sono fatta prendere dal recupero di Supernatural (che conosco dall’alba dei tempi e ho guardato solo ora--- Non chiedetemi il perché) e ho avuto poco tempo per leggere, quindi nulla su cui scrivere. Come già detto, nessuna scusante.
Inoltre il 5-6-7 Dicembre ho lavorato come aiutante-staff al Mestre Comics di Venezia: è stata un’esperienza davvero meravigliosa, mi sono divertita un mondo e ho fatto tantissime conoscenze, anche se non so quanto durature (ne dubito, ahimè ;;). Ovviamente il mio lavoro con l’associazione non è finito, visto che mi mancano una quarantina di ore per ultimare le settantacinque previste dal mio stage. Spero davvero di potermi divertire ancora molto <3

 

divQualcosina comunque ho letto: i numeri 4 e 5 di Cut & Run, che avevo messo in ghiacciaia tempo prima perché si sovrapponevano ad altre letture.
Che dire? Continuo a non amare particolarmente lo stile della Roux, ma bisogna ammettere che è migliorata rispetto agli inizi … anche se Sticks & Stones continua ad essere il mio preferito *le coff*
Tra i due ho preferito sicuramente Divide and Conquer che, come il secondo volume, ha lasciato in secondo piano la componente sessuale per concentrarsi sui personaggi, presi sia come unicum che come coppia. Non che mi dispiacciano i libri più “corporali” della serie, ma credo che la bravura di un’autrice in ambito romance si dimostri soprattutto nella capacità di esternare i sentimenti dei protagonisti senza per questo ricorrere sempre e comunque solo alla tensione sessuale. E devo ammettere che con questo quarto libro abbia colto nel segno.
Adesso sono curiosa di vedere se c’è un MO dietro tutto e il sesto sarà come il secondo e il quarto.

Ahimè, invece, con La Principessa sono ancora in alto mare. Nulla, sto ancora ferma dove l’avevo momentaneamente lasciato più di un mese fa, proprio non sono in vena di leggerlo, niente da fare. Per quanto scritto meglio rispetto al suo predecessore, non mi ha mai preso, trovo Tessa irritante a livelli assurdi e ogni volta che provo a riprenderlo mi parte un tic nervoso e mi incavolo. Spero di finirlo entro l’anno, comunque. Pregate per me.
Poco ma sicuro The Dark Artificies me lo leggo in inglese. Voglio vedere quanto la traduzione abbia influito sul mio giudizio.

lastPer riprendermi da una lettura *vedi sotto* che mi sta facendo rotolare dal ridere, ho finalmente letto The Last Thing He Needs. E direi che ho fatto bene.
Non è stata la meraviglia che mi aspettavo, devo ammetterlo (sarà anche perché io non riesco a valutare decentemente un romance puro), ma ne è valsa la pena. Tommy e Bobby sono due MC ben strutturati cosa che rende le loro scelte e mosse sensate, e lo stesso vale anche per gli altri personaggi. Tutto ciò dona alla storia una patina di verosimiglianza ai miei occhi e mi ha permesso di concluderlo senza mai aver pensato “ma perché?”.
D’altro canto, bisogna ammettere che l’autrice ha caricato un po’ troppo la parte drammatica: non è sfociata nell’assurdo per il rotto della cuffia. Sarebbe bastato anche solo un altro fatto negativo per far risultare il tutto un melodramma irrealistico e buttare alle ortiche una buona base. Seriamente, il finale ha salvato capra e cavoli. In tutti i sensi. Perché se fosse stato troppo positivo avrebbe dato l’effetto “Cenerentola” …
Più di quanto non lo sia già.
… e sarebbe scaduto pesantemente.
A conti fatti devo ammettere che è stata una bella lettura: non tra le mie preferite, ma di certo non tra le peggiori.

E insomma, alla fine della fiera, questa è la situazione che mi sono ritrovata a metà Dicembre:

#1 La principessa#2 Possesso#3 Divide and Conquer – #4 Stormbird – #5 The Last Thing He Needs – 6# Breaking the Rules – #S1 Il principe#S2 The Backup Boyfriend#S3 The Boyfriend Mandate

E con la seguente TBR per Dicembre:

#1 Anima – #2 My True Love Gave to Me – #3 Oro sangue – #4 The Last Thing He Needs#5 Armed & Dangerous#6 La principessa – #S1 A Matter of Time I

Inizialmente c’era anche Stormbird e Breaking the Rules, ma credo che li leggerò il prossimo anno, non credo di farcela per questo.
Bene o male, comunque, cinque libretti a Novembre sono riuscita a leggerli e la cosa mi rende felice ;v; Ho letto anche diverse storie brevi che non ho elencato, quindi mi ritengo soddisfatta anche se non sono riuscita a mantenere fede alla TBR.

Il libro che mi fa rotolare citato sopra è A Matter of Time I di Mary Calmes: io l’ho iniziato abbastanza carica e fino alla fine del secondo capitolo mi stava piacendo pure (e Dane continua a essere l’unico motivo per cui non l’ho interrotto), ma poi ha cominciato a … delirare. Sì, direi che il termine giusto è delirare … e la voglia di mollarlo definitivamente è diventata sempre più forte. E poi mi si chiede perché provo prima di comprare: per evitare QUESTO 8D Sicuramente lo finirò, ma non credo che andrò avanti con gli altri libri. O quanto meno farò passare molto tempo. MOLTO.

Per concludere ecco le mie spesucce per questo mese~

20141222_123213

Direi che la cosa che per prima salta all’occhio è quella meraviglia lì dietro, il gigantesco e meraviglioso Stitch che mi è stato regalato dalla mia migliore amica per Natale ;********; Lo amo. Davvero. Ogni volta che lo guardo mi viene da prenderlo, abbracciarlo e non mollarlo più.
Sempre in tema pupazzini c’è anche il lovettino di Ren che ho preso al Mestre (la bellezza di essere nello staff e battere tutti sul tempo *le coff*) <3 Ormai sto facendo la collezione, ad ogni fiera dove c’è lo stand ne prendo due: uno per me e uno per la mia amica.
Per il versante manga pian piano le uscite stanno diminuendo: non ho ancora recuperato tutto quello che avevo da parte, ma la maggior parte è qui (mi mancano due light novel e quattro manga, sicché---). Rispetto al recupero natalizio di qualche anno fa è un enorme passo avanti.
Ovviamente non ho ancora preso in mano nulla: ho provato a rileggere Non mi farò coinvolgere, ma decisamente non è il momento per i manga, visto che non riuscivo a gestire l’accoppiata baloon-vignetta. Spero di riprendermi in fretta e naufragare nuovamente in questo mare, perché ho parecchio da recuperare ;v;
Per i libri in realità ne mancherebbe uno, la coppia cartacea di The Boyfriend Mandate, ma SDA me lo ho spostato a domani come consegna (io genia che ordino durante il periodo natalizio …) e quindi nella foto non sono riuscita ad inserirlo ;v;
I due di Murakami, Oe e Dazai sono i libri che mi mancavano per l’esame di Letteratura 3 che darò a Maggio, quindi più un dovere che un piacere. Soprattutto Oe che è una mazzata. Mentre Dazai lo amo, quindi ho preso due piccioni con una fava, riuscendo finalmente a prendere l’altro suo titolo edito in Italia … anche se la traduzione è vecchia.
Chambers e Niffenegger li ho presi con i due buoni della Vodafone ;vvv; <3 Li desideravo da un po’ e ne ho approfittato … anche se la Vodafone si è fatta furba e non li ha resi accumulabili *sigh*
Per ultimo il mio piccolo auto-regalo di Natale: My True Love Gave to Me. Un libretto davvero carinissimo ;vvv; Ci tenevo a prendere qualcosa in lingua e una raccolta di storie brevi era perfetta <3
E poi l’ho visto spammato ovunque, mi ha fatto gola.

 

Detto ciò direi che per ora passo e chiudo, ritornerò sicuramente prima di fine anno, anche se dubito con qualcosa di nuovo *le meh*
A tutti un felice Natale, divertitevi, mangiate e scartate bei regali *A*/

sabato 15 novembre 2014

Sul comodino #12

Ma tipo, io dovrei mettermi a scrivere qualcosa oltre a questa rubrica, eh-

sul comodino

Queste due settimane sono state decisamente molto più produttive rispetto alle precedenti <3

boymanHo letto, anzi divorato, i primi due libri della The Boyfriend Chronicles di River James: The Backup Boyfriend e The Boyfriend Mandate. Che dire di questa autrice? Fino ad ora ha scritto solo questi due romanzi, ma i diritti del primo sono già stati comprati per la distribuzione digitale in Italia. E bisogna dire che se lo merita davvero. Le storie non sono particolarmente innovative, ma lo stile fresco e la buona se non ottima profondità psicologica dei personaggi fanno progredire la trama verso un finale che per quanto scontatamente “happy” viene fatto penare, sia a noi lettori che ai protagonisti.
Ma quello che ho più apprezzato è stato il modo con cui l’autrice ha trattato temi delicati come HIV e cancro (e, in qualche modo, anche l’accanimento terapeutico): nessuna visione pietistica, nessun intento voyeuristico, solo una franchezza quasi cruda nel raccontare queste due malattie con gli occhi di chi le ha combattute in prima persona o al fianco di quest’ultima. Personalmente dò tanto valore ad un autore che riesca a trattare temi “caldi” senza scadere nel sentimentalismo e in questo caso la James ha colpito nel segno. E non solo con i temi medici con cui è a contatto ogni giorno (lei stessa è, infatti, un medico), ma anche con quello della bisessualità, trattato con una profondità  non inferiore, ad esempio, a come la Brockmann tratta quello dell’omosessualità con Robin.
Ho letto anche Brad’s Bachelord Party, la sua short-story di debutto, ma obiettivamente presenta una stile ancora troppo acerbo e in ottanta pagine è riuscita sì a costruire una storiella carina, ma nulla di paragonabile alle superiori.
Inutile dirlo, ma insieme a K.Z. Snow, la James si è aggiudicata il posto fra le mie scrittrici m/m-only preferite.
E ora pretendo la storia di Noah. NOW.
P.S.: la saga è NSFW, io vi avverto.

 

principessaPassando alla saga numero due, ho concluso Il principe e sono a metà de La principessa. In pratica, ho quasi finito The Infernal Devices ;v; Sul serio, FINALMENTE. Per quanto ami il mondo che ha creato la Clare, non riesco a sopportare il suo modo di strutturare la storia e le sue eroine, per non parlare di quell’orrore di adattamento che è l’edizione italiana. A dirla tutto, avrei una mezza idea in futuro di rileggerlo in inglese per vedere quanto il pessimo adattamento abbia influito sul mio giudizio …
Ad ogni modo, il mio giudizio non cambia e non credo proprio cambierà una volta finito il libro.
In caso contrario scriverò qualcosa in merito la prossima settimana.
La struttura e i personaggi li ho trovati almeno di una spanna migliori rispetto alla saga principale, soprattutto Will che, rispetto al suo discendente Jace, è stato strutturato in modo molto più sensato e realistico. Tessa ha continuato a starmi sulla balle come sempre e credo che sia impossibile che possa cambiare idea su di lei: quando mi capiterà di apprezzare un personaggio femminile della Clare cadrà il cielo. Davvero, le odio tutte quante <3
Per quanto riguarda la storia, che posso dire se non bella, bella, BELLA. LA AMO. Ma io amo il mondo che la Clare ha creato per Shadowhunters, quindi sono di parte ;v;

 

possesso

E via saga numero tre, Possesso della Ward.
Anche questa volta mi sono ritrovata a rivalutare una figura femminile che ho praticamente odiato nei libri precedenti: trovavo la Vergine Scriba arrogante e stronza, aldilà del fatto che fosse in fin dei conti una divinità e quindi, in un certo senso, le fosse lecito atteggiarsi in quella maniera. Ma il fatto che trattasse tutti con quell’altezzosità da “sono onnipotente quindi fate quello che voglio io” mi faceva prudere le mani in continuazione.
Arrivata alla fine di Possesso potete immaginare la mia sorpresa quando mi sono ritrovata a volerle bene in una qualche maniera: alla fin fine, nonostante la sua superiorità, anche lei ha dei limiti, delle paure e dei sentimenti come qualsiasi essere umano. Per quanto nei libri precedenti abbia richiesto dei sacrifici enormi in cambio dei suoi favori, nel momento in cui Vishious si è ritrovato nell’incapacità di offrire qualcosa in cambio, è stata lei a sacrificarsi per lui togliendosi l’unica piccola felicità che aveva trovato nella sua esistenza solitaria. Certo, c’è un motivo di fondo che la spinge a comportarsi così per lui e non per altri, ma l’ho trovata una scelta comunque difficile e sicuramente sofferta.
Che dire, quando nell’epilogo Vishious “ripaga” quel sacrificio … beh, l’ho trovata una cosa dolcissima.
Per quanto riguarda la coppia principale … Jane, hai il posto numero due tra le mie attuali femmine preferite della saga <3 Una donna di una forza davvero enorme e una altrettanto forte fiducia in se stessa e nelle sue capacità: la donna perfetta per quella lagna di Vishious 8D Tuttavia non supera Bella: cioè, dai, lei è insuperabile---
Mi dispiace, però, che in questo libro non ci siano stati pov degli antagonisti: in compenso Qhuinn e Blay sono molto più presenti *le coff*

 

Ecco dunque la situazione attuale con la TBR di Novembre <3

#1 La principessa#2 Possesso – #3 Divide and Conquer – #4 Stormbird – #5 The Last Thing He Needs – 6# Breaking the Rules – #S1 Il principe#S2 The Backup Boyfriend#S3 The Boyfriend Mandate#S4 Brad’s Bachelord Party

Questo mese mi sta andando decisamente bene, devo dire <3 Quasi sicuramente la prossima settimana avrò finito La principessa, perciò se tutto va bene per fine mese avrò completato questa TBR ;v; Soprattutto non vedo l’ora di riabbracciare Ty e Zane: ormai è passato più di un mese dall’ultimo libro, è ora che io ingrani con la mia seconda “trilogia/mance” con questa serie che, se sono brava, finirò a Gennaio: giusto giusto in tempo per leggere l’ultimo volume in uscita a Marzo <3

 

parasyte-anime-01Cambiando tema, ho continuato qualche serie, come Gundam Build Fighters Try e Kiseiju.
Il Try lo sto seriamente adorando: la trovo una serie molto fresca e dinamica, senza alte pretese e per quanto palesemente creata a fini commerciali, mi regala mezzora di tranquillità~
E poi c’è un cecchino, CIOE’.
Kiseiju, invece, è proprio il contrario. Innanzitutto mi inchino davanti all’enorme bravura degli animatori che sono riusciti a rendere “moderna” una serie pubblicata come fumetto all’inizio degli anni novanta. Perché ci vuole davvero una grande capacità ha rinfrescare un tratto in origine datato. Seriamente, tanto di cappello. Per il resto siamo ancora all’inizio, quindi non mi sbilancio più di tanto, ma sono quasi sicura che si troverà ad essere uno dei best of the season.

 

20141114_123320

Per finire mi sono ovviamente data alle spese 8D
Infatti, oltre all’uscita di Trinity, sono arrivati in fumetteria alcuni dei titoli presentati in anteprima a Lucca, come Innocent 1: l’ho aspettato fin dallo scorso anno quando era stato annunciato a Lucca, lo trovo un titolo davvero spettacolare, sia come sceneggiatura/personaggi che a livello tecnico come disegni. Già sfogliando The climber avevo notato come Sakamoto fosse un vero e proprio mostro di bravura, ma in Innocent ha superato se stesso: le espressioni, i dettagli dei vestiti, la grande accuratezza del panorama … tutto assolutamente meraviglioso. Ora attendo impaziente il numero due … J-Pop. Io ti osservo. Mandami in ghiacciaia pure questo e vengo personalmente a spaccarti le gambe °v°
Visto che The Climber era andato bene dovrebbe essere ok … credo … spero …

E con questo abbiamo finito <3 Spero di tornare in questi lidi in tempi brevi~
Bye ;*;

domenica 2 novembre 2014

Lucca 2014

*rotola*
E anche quest’anno Lucca è passata.
Senza di me. Di nuovo *piange*

In realtà non avevo intenzione di fare un post perché, alla fin fine, hanno annunciato poco o nulla di mio interesse. Davvero, che Lucca grama.
Ad ogni modo, qualcosa hanno annunciato quindi ecco qui elencati i titoli.

Per la Goen ho solo i volumi che mi mancano di Le rose di Versailles: il problema è che ho un’edizione diversa, quindi apriti cielo, non so come farò a capire quali io debba recuperare ;v; Hanno anche detto che Hakkenden, finalmente, dovrebbe uscire a Gennaio *piange* Spero bene.
Per il resto hanno fatto tantissimi annunci e c’è anche un altro titolo di Furuya che mi interessa, ma prima devo recuperare gli altri, quindi per ora se ne sta lì. Idem per Himitsu: interessante, ma per ora rimane lì.
Ah, hanno detto anche che hanno in mano tutti i titoli della Nakamura S. Ora. Io ho un solo titolo che adoro ed è la novel di Yokozawa. E la Goen è la peggiore casa editrice in merito alle traduzioni. Piango, davvero.
Planet nulla. Ho adocchiato un titolo interessante, ma è in corso e per ora non credo proprio di prenderlo.
GP/JPop, quasi nulla. Oltre all’incazzatura perenne visti i titoli che seguo bloccati da due anni. Giusto i rimanenti special di Alice in Heartland. Bello, oh. Anzi, ci sarebbe Samurai Drive, 8 volumi concluso … non so se fidarmi.
Nessuna consolazione dalla Magic, che a questo Lucca ha fatto un solo annuncio … che ovviamente non mi interessa.

 

E niente, proprio un Lucca deludente per me. Neppure un titolo per cui smaniavo.
Vado a rifugiarmi nel mio angolino.

Tutta abbattuta, torno ad affogare nel tag di Cut & Run su tumblr.

tumblr_mwnuj4cDjg1qzbq69o1_500(c-r4)

Quell’alzata di sopracciglio. È Ty. Punto.
(Per evitare che altri, che come me non se ne intendono di film et simila, passino ore a capire chi sia, è Karl Urban)

sabato 1 novembre 2014

I wish … #4

i wish

Come avevo già anticipato, questo sarà per lo più un post sugli annunci “desiderati” a Lucca.

Per la fazione anime, la conferenza Dynit si è già svolta e, nonostante le mie speranze, sembra che la situazione peggiori di anno in anno. Se dal lato simulcast e, cioè dello streaming gratuito, si aggiungono ad ogni stagione nuovi titoli, sul comparto DVD/BD la storia non è la stessa. Essenzialmente? Il mercato è in perdita. Totale. Perché se alla domanda “Porterete x-anime?” si ottiene in risposta “Solo se la trasmissione televisiva è assicurata” la situazione non è per niente rosea. Ora, pure io scarico un numero assurdo di serie a stagione, ma se un titolo lo ho amato LO COMPRO. Soprattutto se è arrivato in Italia. “Eh, ma a me il doppiaggio italiano fa schifo!” A parte le maledizioni che ti lancio per questa bestemmia, c’è sempre l’alternativa “E te lo guardi con i sottotitoli amore mio”. Inoltre in Italia il costo di DVD/BD è oltremodo ridicolo rispetto alla media mondiale, almeno per quanto riguarda l’animazione. Ti basta aspettare un annetto e il box lo trovi a metà prezzo. Dall’editore. Non so se mi spiego.
Perciò le mie speranze per Fate/Zero e Mobile Suit Gundam 00 rimarranno lì nell’attesa di una rete televisiva che li voglia trasmettere.
SEH, SPERACI.

Passando ai manga, due titoli li avevo già citati: Baraou no Souretsu e Bungo Stray Dogs.
*incrocia le dita*
Altri titoli? Pet Shop of Horror, NO.6, Donten ni Warau e sWitch.

                    Switch donten

In realtà avrei tanti altri bei titoli in testa, come le novel di Dantalian, Gosick e Natsuhiko Kyogoku. E che dire delle rimanenti di Manabu Kaminaga? Insomma, la mia lista è abbastanza lunga.
Questo pomeriggio c’è stata la conferenza Star …
Sì, mi sono sbagliata ieri, la Star era oggi ;v;
… e niente per me ;vvv; Wow, due anni che la Star mi manda a bocca asciutta a Lucca. L’unica è Pandora Hearts 8.5, ma era cosa certa, neppure credevo degna di annuncio---
Abbastanza palese anche Gintama, che mi aspettavo già dallo scorso anno, ma che vista la mole assurda di volumi non rientra nella mia wishlist. In realtà la Star ha fatto tutti annunci ottimi, come Mason Ikkoku o Arale, ma che, come sopra, non rientrano nella mia WL ;v; Incrocio le dita per domani-

 

E qui aggiungo, invece, qualche titolo libresco per il mese di Ottobre, visto che il 15 questa rubrica era saltata.

signorafumi

Visto che sono in fissa con La Guerra delle Due Rose, tanti sono i titoli che affollano la mia wishlist e che si rifanno a questo periodo storico.
Tra questi, la saga The Cousins’ War di Philippa Gregory che, a quanto pare, è una delle più conosciute su questo argomento. A quanto ho capito, ripercorre le vicende della guerra attraverso gli occhi delle loro protagoniste femminili e, attualmente, dovrebbe essere conclusa in sei volumi. L’ultimo, però, non è ancora stato portato in Italia.
Passando a titoli più classici abbiamo invece La Freccia Nera e Enrico VI. Sfogliando i capitoli usciti in cinese (perché trovare quelli giapponesi è praticamente impossibile) di Baraou, ho notato come la storia base sia effettivamente un misto fra Riccardo III ed Enrico VI e perciò ho messo subito in WL anche questa seconda opera in tre parti di Shakespeare. Mi dispiace solo che non sia mai stata portata da Mondadori e l’unica edizione sia della Garzanti … addio costine nere, ci stavate bene sullo scaffale ;v;
Ad ogni modo, ho trovato anche altri due titolini, ma li tengo per il prossimo post.
Ovviamente rientra anche Trinity, il secondo volume di Iggulden, ma lui sarà mio il prossimo mese~

 

E adesso l’unica è aspettare domani con la maratona dalle 11 alle 14 (più la Magic alle 15) <3 Incrocio le dita ;A;/

venerdì 31 ottobre 2014

Sul comodino #11

sul comodino

E dopo due settimane eccoci qui, eccezionalmente(?) di venerdì per Halloween … e perché domenica ci sarà sicuramente un post sugli annunci manga di Lucca.
A questo proposito, per chi è interessato questa è la scaletta delle conferenze:
# 11.00 –> GOEN
# 12.00 –> Planet
# 13.00 –> Star + GP/JPop
# 15.00 –> Magic(?)

 

sensoIn queste due settimane appena trascorse, ho portato a termine Senso: che dire? Di certo non rientra fra i miei preferiti, ma grazie a lui ho apprezzato molto di più Marissa, che nei libri precedenti snobbavo bellamente. La consideravo una donna abbastanza debole, troppo impelagata nei canoni imposti a lei dalla glymera, invece mi sono dovuta ricredere: non arriva alla forza interiore (ed esteriore, eh-) di Bella, ma è certamente una persona che sa camminare sulle proprie gambe e anche nei momenti più critici rialzarsi e combattere.
Credo che questo sia un altro dettaglio che amo della Ward: all’esterno può effettivamente sembrare che la saga sia profondamente maschilista (nell’accezione più negativa del termine), ma aldilà della buona dose di machismo presente ed innegabile, questa è controbilanciata da figure femminili altrettanto determinate, forti ed indipendenti. Per dire, io di norma non sopporto le “eroine”, ma fino ad ora non ho odiato una sola, UNA, delle protagoniste di questa saga. Evento più unico che raro per me.
Tornando al libro, la trama principale ha subito il primo scossone e le carte in tavola sono state mischiate: inutile dire che attendo con ansia il seguito~

principe

Con un po’ di fatica ho finito le ultime pagine che mi mancavano de L’angelo e ho iniziato Il principe: leggendo la quarta di copertina, sono molto più curiosa di portare avanti questo secondo volume rispetto a quanto lo sono stata col primo.
Ad ogni modo, vorrei far notare la grande fantasia della Clare: la struttura base della storia è praticamente identica a The Mortal Instrument. Ma precisa *pff* Comunque continuo a dire che The Infernal Devices è scritto molto meglio rispetto all’altro e nonostante il mio odio spasmodico nei confronti di Tessa che mi rallenta la lettura (il 90% del pov è suo---), devo dire che Will e Jem mi piacciono molto più di Jace, Simon e compagnia danzante(?) 8D Invece, mi dispiace Nathaniel, rimani uno dei miei preferiti nel libro, ma il tuo corrispettivo in TMI è insuperabile *sorry not sorry*
Spero di finirlo entro la settimana, Tessa permettendo.

Ad aggiungersi proprio ieri sera, ho iniziato The Backup Boyfriend di River Jaymes: avevo letto su un altro blog (qui) che stava per essere pubblicato in Italia in formato ebook e, presa dalla curiosità, sono andata a cercarmi la versione inglese. Sono ancora all’inizio, ma ho già riso come una scema *pff* Si prospetta una storia abbastanza leggera … spero per una volta che il mio sesto senso non si sbagli. Già con K.Z. Snow piango tutte le mie lacrime, ORA BASTA.
Fa parte di una serie, ma a quanto ho capito sono tutti autoconclusivi *si asciuga il sudore* Ne ho abbastanza di serie in corso, direi.

Questa, dunque, è la situazione con la TBR di Ottobre:

#1 Porpora#2 Senso – #3 Divide and Conquer – #4 L’angelo#5 Il principe – 6# Breaking the Rules

Alla fine non sono riuscita neppure a mantenere una TBR così piccina *sigh* Ho avuto problemi con l’università e la stanchezza era tale che una volta a casa non ero abbastanza fresca per riuscire a concentrarmi per la lettura: e io DEVO essere concentrata …
Sono un suricato. Proprio concentratissima.
… perché ci tengo a perdere meno dettagli possibile.
Nonostante il pessimo esito, io ci riprovo ed ecco la TBR per Novembre:

#1 La principessa – #2 Possesso – #3 Divide and Conquer – #4 Stormbird – #5 The Last Thing He Needs – 6# Breaking the Rules

Questa volta sono più equilibrata: tre cartacei e tre ebook. Non so se ce la farò, ma mi impegnerò! Spero anche di leggere un pochino di più, visto che non ho le vacanze a Natale …
Sono due settimane di fuoco per la sessione di Gennaio.
… e non potendomi adagiare sugli allori, dovrei cercare di smaltire il più possibile la pila di arretrati in questo mese che è in arrivo.
Inoltre ho i due libri sopra da finire di leggere: ce la farò. Forse.

 

In compenso mi sono ripresa e ho iniziato il recupero di manga e anime *lancia coriandoli*
Non che abbia visto o letto molto, ma di sicuro mi sto tenendo in pari con quello che ho iniziato, che è già tanto. Sono ancora all’inizio, quindi non ho molto da dire: per ora Gundam Build Fighters Try torreggia sopra tutti. Inutile, questa serie insieme alla precedente è una delle poche tra gli slice-of-life non demenziali che preferisco in assoluto e questa seconda stagione sembra non essere da meno.
Per il comparto demenziale, invece, insieme a Orenchi di cui ho già parlato, si aggiunge  Gugure! Kokkuri-san che ad ogni episodio mi fa letteralmente rotolare dal ridere. Cioè, già il titolo--- “Gugure” sarebbe “googlelalo”(?) in italiano … cioè, se esiste in italiano … Come si può non seguire una serie del genere?
Da brava amante del ciclismo su strada, sto ovviamente seguendo la seconda serie di Yowamushi, che come sempre mi riempie di feels <3
Per quanto riguarda le serie più “cupe” ho iniziato solo Kiseijuu, che promette molto bene. Si vedrà.
Ovviamente sono rimasta indietro con le vecchie serie, ma appena finisco di liberare il computer mi butterò a pesce su di loro.
Per i manga ho letto i BL usciti e mi sono messa in pari con Kuroko. Essendo nell’ultimo caso una storia che già avevo seguito in animazione, non ho molto da dire. Per i BL, invece, sto notando come la lettura degli M/M mi abbia influenzato, nel bene e nel male, tale da farmi diventare molto più schizzinosa per quanto riguarda questo tipo di manga.

 

20141031_161717

Ecco qui invece le piccole spesucce delle ultime due settimane.
Se potete ignorate quel Gilgamesh lì dietro. Io non ci riesco, ma voi potete.
Tra le uscite mangarecce, abbiamo l’ultimo volume di Reborn (che devo ancora finire, neppure mi ricordo dov’ero arrivata. Ma ho finito una serie! Viva me!), il nuovo numero di P.G.E. (no, non è ancora finito. Credo che l’unica cosa che me lo faccia continuare a leggere sia la curiosità per il finale) e il 7 di Natsume, dove fa il suo ingresso in pompa magna Matoba <3 Ti aspettavo 8D
Dopo l’interruzione delle scan inglesi di Baraou no Souretsu, ho preso il Riccardo III di Shakespeare: la vicenda, estremamente romanzata dalla Kanno, mi aveva messo una curiosità assurda sull’opera originale e alla prima volta buona ho colto la palla al balzo e l’ho preso. Sempre sulla stessa falsa riga abbiamo un libro che per una settimana intera mi ha perseguitato dalla vetrina della Giunti che si trova in stazione a Venezia: non ho resistito e alla fine l’ho preso. Si tratta di un romanzo, per così dire, para-storico: La Guerra delle Rose. Stormbird di Conn Iggulden. L’ho comprato di slancio visto il mio neonato interesse nei confronti della Guerra delle Due Rose e perciò ho letto solo in un secondo momento le varie recensioni: e sono proprio queste ad avermelo fatto classificare come para-storico. Ad ogni modo mi piacciono molto i romanzi storici romanzati, quindi non gliene faccio una colpa. Di sicuro, però, cercherò un buon saggio sull’argomento, visto che mi interessa. Stormbird, comunque, è il primo libro di una saga che continuerà ad inizio Novembre con il secondo volume, Trinity.

 

E con questo segno la parola fine~ Domani, in previsione agli annunci di domenica, vorrei pubblicare I wish… che questo mese è saltato: spero bene~
Per finire, ecco la sigla della settimana(?), bye bye <3

domenica 19 ottobre 2014

The Ultimate Book Tag

booktag

Ho visto questo “piccolo” tag su Il Magico Mondo dei Libri e non ho resistito ;vvv; <3

1. Leggere mentre stai viaggiando in macchina ti da fastidio?

Mi fa vomitare. No, sul serio, non è una battuta. DAVVERO mi viene la nausea. Anche solamente girare la testa in macchina mi fa salire l’acido, provare a leggere è fuori questione. In compenso non ho problemi in treno, dove riesco perfino a scrivere in giapponese: e se si riesce a scrivere un kanji in mezzo agli scambi delle grandi stazioni, si può fare tutto. Una sola volta ho preso l’aereo e ho provato a leggere, ma soffro il mal d’aria e solo alzare la testa dal sedile mi fa vedere le stelle ;v;

2. Lo stile di scrittura di quale autore è unico per te e perché?

E qui vado ad occhi chiusi: J.R. Ward. Io AMO quella donna: sarà sboccata e spinta, ma io la adoro come poche. Adoro il suo stile a pov alternati, la grande attenzione che riserva ad ogni suo personaggio, anche il può piccolo e liminale. E poi dà una focalizzazione interna anche agli antagonisti, una cosa che mi manda in brodo di giuggiole ;*; Amo anche quello di Suzanne Brockmann e Trudi Canavan per motivi simili~
Apprezzo anche le prime persone, ma è più difficile entrare nelle mie corde proprio per questo mio amore spropositato per i pov alternati. Tuttavia amo molto Anne Rice, Jacqueline Cary (anche se sono ancora indietro) e per quanto ricordi anche Susan Hubbard.
Ah, doveva essere solo uno? Almeno mi sono fermata, perché ne avrei tanti altri 8D (Sakaguchi non mi sono dimenticata di te <3)

3. La serie di Harry Potter o la saga di Twilight? Fornisci tre perché.

Due saghe che non ho amato. Twilight proprio NO: ha fatto un errore madornale che non posso perdonarle. Quindi scelgo Harry Potter:

  • Non l’ho amato, ma è stata più che altro una questione personale;
  • La Rowling, per quanto ho letto, è una scrittrice fenomenale ed è riuscita a creare un mondo davvero ben fatto dove far muovere personaggi altrettanto ben fatti;
  • Ha fatto crescere una generazione, ha accompagnato dei bambini nella loro crescita verso l’età adulta con insegnamenti positivi e, certamente, rimarrà nel cuore di tutti loro per tutta la vita.

4. Porti con te una borsa per i libri? Se si, cosa c'è dentro al momento (oltre ai libri ovviamente)?

Se esco, esco per fare compere e/o passeggiare in compagnia oppure vado in università: quindi non mi porto, generalmente, dietro libri. Qualche volta in università se ho ore buche o prendo treni poco frequentati (difficile quando la tratta Bologna-Venezia è sempre piena di turisti-urlatori 8D), ma capita di rado. Quindi non ho mai avuto una borsa per i libri come Meggie in Cuore d’Inchiostro … anche se mi dispiace ;;

5. Annusi i tuoi libri?

*coff coff* Anche troppo. Una volta o due mi sono capitati libri che sapevano da petrolio, ma non mi hanno fermato. E la puzza di petrolio è orribile, davvero.

6. Libri con o senza piccole illustrazioni?

Generalmente con ;v; Adoro le piccole illustrazioni ad inizio capitolo, che siano “semplici” lettere miniate e/o “ghirigori” oppure vere e proprie illustrazioni. Se non ci sono non ne faccio un problema, ma se ci sono li apprezzo un pelino di più <3

7.Quale libro hai adorato mentre lo stavi leggendo per poi scoprire, dopo, che non era di altissima qualità?

The Mortal Instruments di Cassandra Clare. Continuo ad adorare la storia della Clare, ma arrivata alla fine della prima trilogia non ho potuto fare a meno di paragonarla ad un’altra autrice di YA, la Canavan con la sua The Black Magician Trilogy e … beh, mi sono cadute le braccia. Non sto neppure ad elencare cosa mi fece e ancora mi fa girare i cocò nello stile della Clare se no facciamo notte, ma dico solo che ci sono rimasta parecchio male.

8. Qualche storiella divertente (del periodo della tua infanzia) riguardante i libri? Racconta!

A parte quella sulle mie tendenze psicotiche più sotto? Hmm … Diciamo che quand’ero piccola tendevo a leggere qualche libro in prestito, solo che, bella scema, mi bloccavo anche per un mese intero in un punto e non li continuavo più. Poi si avvicinava il momento in cui dovevo riportarli e *puff* ingranavo e li finivo in due giorni. Esempi? Lo Hobbit, Viaggio al centro della Terra o Piccole Donne. Seriamente, che problemi avevo?

9. Qual è il libro più sottile della tua libreria?

Oddio … libro? Ho diverse short-stories che quindi sono sottilissime, ma se parliamo di libri … forse Lo strano caso del Dr. Jekyll e di Mr. Hyde? Ma è considerabile un romanzo?

10. Qual è il libro più spesso della tua libreria?

Il quinto giorno di Frank Schätzing. Con le sue 1032 pagine, si aggiudica il primato su I pilastri della Terra, anche se solo per due pagine.

11. Ti piace scrivere così come adori leggere? Nel futuro, ti immagini scrittrice?

Ho sempre amato alla follia scrivere, più di quanto ami leggere. Ahimè non mi considero una brava scrittrice né vedo nel mio futuro la possibilità di diventarlo, quanto meno non a livello professionale. Però continuerò a scrivere, nella speranza di migliorare, anche perché sono molte le storie che ho in testa.

12. Quando sei entrata nel mondo della lettura?

Oddio, entrata entrata mai forse. Io ho sempre letto e continuo a leggere a periodi, soprattutto visto che la lettura è una delle mie tre passioni principali … ma sempre una delle tre. Credo comunque che sia accaduto qualcosa di simile alle elementari, visto che passavo le vacanze estive in campagna con mia nonna e mia mamma, senza però bambini della mia età con cui giocare. Il pomeriggio, quando loro due dormivano e si doveva fare silenzio, lo passavo a leggere tutto quello che mi passava sotto mano: dai numeri di Topolino, alle Witch, ai libri del Battello a Vapore o di Dahl. E una volta anche un manuale sull’embriologia e le malattie derivate (idrocefalia e via dicendo): no, non ne rimasi traumatizzata. E poi mi chiedo perché ho tendenze psicotiche, va be’.

13. Il tuo classico preferito?

Cime Tempestose di Emily Bronte. Forever and ever.

14. Letteratura Italiana era la tua materia preferita a scuola?

Per colpa della mia docente, no. Però adoravo la letteratura al di fuori delle ore a scuola.
Materia preferita? Astrofisica e fisica.
Studio Giapponese, lo so, non ha senso.

15. Se qualcuno ti regalasse un libro che hai già letto e che non ti è piaciuto, cosa faresti?

Da brava pazza collezionista con tendenze all’accumulo, lo terrei solo perché legato al ricordo di quella persona ;v;

16. Una serie poco conosciuta e molto simile a quella di Harry Potter o Hunger Games?

The Black Magician Trilogy di Trudi Canavan, uscita in Italia prima in Nord e poi in Tea insieme al romanzo prequel e alla trilogia sequel.
Ora, Harry Potter è un middle-grade generalmente, mentre la saga della Canavan uno YA: tante sono le differenze, però pur di spammare questa saga mezza sconosciuta farei di tutto.

17. Una brutta abitudine che hai mentre filmi?

In questo caso lo cambierei in “mentre leggo”: ho la concentrazione di un suricato, quindi mi capita spesso di incantarmi o continuare a vedere quanto manca alla fine. Davvero, è più forte di me, ma dovrei smetterla e concentrarmi di più sui libri che leggo.

18. Qual è la tua parola preferita?

Oddio, io una parola preferita che uso in ogni frase ce l’ho, ma non è molto “signorile” … sarebbe “c***o” o “f**k” e coniugazioni(?) in inglese.
Capitemi, sono veneta. Già tanto che sono credente e quindi non bestemmio.

19. Ti definiresti nerd, dork (ottuso) o un dweeb (secchione)?

Nessuno dei tre? Sono un’appassionata e stop. Ho imparato ad odiare letteralmente questo genere di etichette quando affibbiate alle persone a partire dal “caso otaku”.

20. Vampiri o fate? Perché?

Per non essere monotematica dico fate, soprattutto quando sono rivisitate in chiave crudele, come in Fairy Cube della Kaori Yuki ;*; Ma in realtà sarebbero i vampiri *coff*

21. Mutaforma o angeli? Perché?

Angeli. Angeli. ANGELI. La mia migliore amica è anche un’appassionata di angelologia, ma pure io ho un feticismo per gli angeli e correlati.
Abbiamo sbavato per mezzora davanti al Mausoleo del Canova che si trova dentro i Frari a Venezia. QUELL’ANGELO PORC----

22. Spiriti o lupi mannari?

Oddio … boh? Non ho preferenza in questo caso. Anche perché non ho letto molto in entrambi i casi.

23.Zombie o vampiri?

Vampiri. VAMPIRI. Dal classico, al moderno, al contemporaneo. Basta che sia trattato bene. Ma se tra le mie autrici preferite c’erano la Ward e la Rice era abbastanza palese, direi *coff*

24. Triangolo amoroso o amore proibito?

Apprezzo entrambi in linea di massima, dipende sempre dalla bravura dell’autrice nel trattarli.

25. E INFINE: preferisci libri completamente romantici oppure d'azione con un po' di scene romantiche?

COL CAVOLO. Io AMO l’action e, di riflesso, tutto ciò che è troppo romanticoso o stopposo non lo sopporto. Cioè, dai, Cime Tempestose è l’anti-romance per eccellenza, era prevedibile!
Tuttavia voglio provare a leggere qualche New Adult a tema prettamente romantico … chissà. Ripeto: per me tutto sta nella bravura dell’autrice in questi casi.

 

Ed eccoci alla fine <3 Chiunque voglia farlo si senti libero ;*;/

sabato 18 ottobre 2014

Sul comodino #10

E niente, io continuo a latitare. Mi sa che anche Ottobre passerà senza aver fatto praticamente nulla *sigh* Ahimè quest’ultimo anno alla triennale si sta rivelando davvero complesso, sto faticando molto a rimanere in pari e la mia scarsa capacità di gestione unita ad una pigrizia congenita non aiuta. Spero comunque davvero di riuscire a rimettermi in carreggiata per la fine dell’anno, anche perché Gennaio è periodo di esami e dopo gli esami dovrò iniziare con la tesi e … beh, ci sarà da piangere.

sul comodino

 

porpAd ogni modo queste due settimane non sono poi state così improduttive: ho concluso Porpora e inutile dire quanto lo abbia amato. Zsadist è un personaggio davvero ben fatto, che s’incontra già nei volumi precedenti, ma che in questo terzo libro viene sviluppato, “svelato” ed è assolutamente impossibile non sciogliersi davanti a quanta dolcezza emani. Più vado avanti (ora sto leggendo Senso, anche se momentaneamente sono ferma per concludere altro), più sono convinta che la Ward sia una scrittrice favolosa e, insieme alla Brockmann, sia una delle poche a riuscire a ricreare così nel dettaglio e realisticamente un pov maschile.
E poi in Porpora fa la sua prima comparsa Blaylock e *coff* essendomi già spoilerata il Cerchio *doppio coff* mi sono ritrovata stampata un sorriso da orecchio ad orecchio.

angeloA seguire, ho concluso (in realtà, finirò stasera) L’angelo, il primo volume de The Infernal Devices: che dire? Ribadisco che io amo moltissimo il mondo che ha costruito la Clare, i suoi personaggi e la storia che gira loro intorno. Il mio problema è che non la trovo una buona scrittrice o sceneggiatrice se preferite. Proprio non reggo il suo pov fisso e la sua poca attenzione nei confronti dei personaggi secondari, per non parlare delle coppie secondarie: lì dà il peggio di sé. Comunque devo ammettere che con questo primo prequel si è un pelo migliorata, dando un po’ di spazio in più a pov esterni a Tessa, anche se trattandoli ancora in malo modo. Spero comunque che andando avanti si vedrà almeno un piccolo pov-ino sugli antagonisti, altrimenti non c’è gusto … almeno per me ;;
Inutile dire che però Barbieri è Barbieri. Anche se qualcuno doveva ricordargli che i suddetti personaggi sono degli adolescenti, soprattutto per Jem 8D Soprattutto perché si è dimenticato che ha gli occhi a mandorla *pff*

Ecco perciò aggiornata la mia TBR:
#1 Porpora – #2 Senso – #2 Divide and Conquer – #3 L’angelo – #4 Il principe – 5# Breaking the Rules
Di sicuro Senso e Il principe li leggerò entro la settimana, ma è molto probabile che La principessa prenderà il posto di uno degli altri due per fine mese … Chi dei due, ancora non lo so.

 

20141011_165336[1]

Lo scorso fine settimana sono stata al San Donà: era da tanto che non andavo ad una fiera e, tranne un momento di sconforto all’inizio, devo dire che è andata più che bene ;***; Non so quando riparteciperò ad una fiera, sicuro è che continuerò a cucire per cercare di migliorarmi ;vvv;/ Ecco sopra i due lavori per me (a sinistra) e per la mia amica … solo che alla fine quest’ultimo non cadeva bene e dovrò allargarlo *sigh* Ahimè sono ancora alle prime armi, nonostante cuci ormai da tre anni buoni ;v;

20141014_130146

Ed eccoci, infatti, alle spese dell’ultimo periodo: i due lovettini presi in coppia (i loro “compagni” ce li ha la mia amica <3) al San Donà e le spese in libreria/fumetteria. La mia pila di “da leggere” aumenta sempre di più. SEMPRE DI PIU’. Comincio seriamente a preoccuparmi.


Per finire in bellezza, è iniziata anche la nuova stagione anime *dolore* Inutile dire che, nonostante abbia già iniziato a scaricare quello che mi interessa, non abbia iniziato a vedere un cavolo, tranne Orenchi no furo jijo … visto che dura 5 minuti scarsi 8D Se vi capita, dateci un’occhiata: si trova in italiano con i Sarulandia ed è davvero carino da morire, oltre che disegnato da dio~

(Poco carina la sigla? ;*; Non c’entra assolutamente nulla con la serie, che è demenziale, ma è talmente fatta bene che continuo a guardarla in loop—)


Bene, mi sa che ho scritto tutto(?): bye bye, a quando riuscirò a scrivere di nuovo qualcosa <3

sabato 4 ottobre 2014

Sul comodino #9

sul comodino

Ma potevo io riuscire a fare la brava per una settimana? Una? Ma certo che no, mi sembra ovvio *sigh*

Come si può immaginare, sono ancora ferma sul fronte serie: piango come non mai. In realtà, vorrei tanto vedermi Zankyo no Terror, ma il gruppo con cui lo seguo è ancora fermo al sette e io vorrei vedermelo di filato ;; Per fortuna, a quanto ho capito, dovrebbe recuperare la serie in breve, quindi non ci dovrebbe volere molto.

Sul fronte libresco, ho completato la rilettura di Quasi Tenebra: e per fortuna che l’ho fatta! C’era un dettaglio abbastanza importante alla fine di cui mi ero completamente dimenticata, una cosa che se avessi iniziato il terzo senza questa rilettura probabilmente sarei caduta dalle nuvole-
Wow, adoro la mia memoria.
Comunque ho iniziato Porpora e credo che nel giro di qualche giorno l’avrò anche finito~
Ho concluso, invece, Fish & Chips, cioè il terzo volume di Cut & Run: nonostante le buone premesse dei primi capitoli, non mi ha fatto impazzire, motivo per cui lascerò un po’ da parte la serie mentre procedo con la Ward. E no, questa volta non c’entra lo stile di scrittura o il carattere dei personaggi come nel primo libro: esattamente l’opposto. Questa volta è il caso in sé ad avermi amareggiato: confusionale e inconcludente. Tanto di cappello per le frasi in italiano praticamente impeccabili (come ho detto, sullo stile non ho da ridire), ma, tanto per rimanere in tema e dirne una, avete rappresentato i Finanzieri (e sì, noi non li chiamiamo “la Guardia”) manco fossero dei criminali e sì che, a rigor di logica, sono dei militari- Nulla, mi sa tanto che il secondo rimarrà per ora il migliore, anche perché un pochino comincio a dubitare della qualità dei seguiti---

 

Ebbene, mi sento temeraria(?). Ci provo. E faccio una TBR per Ottobre.
Rido pure io nella consapevolezza che non la completerò MAI. Ma proprio, MAI.

#1 Porpora – #2 Senso – #2 Divide and Conquer – #3 L’angelo – #4 Il principe – 5# Breaking the Rules

Se ce la farò, salterò per la casa come una scema. Promesso.

 

E per non essere da meno, ho pure fatto spese *yeah*

20141003_182604

Notare come alla BUR, per la Confraternita, si siano dati alla pazza gioia: tre formati differenti 8D Giuro, l’odio.
Per i manga, credo di averli messi tutti … credo(?) Potrei essermene dimenticato qualcuno. E ad Ottobre le case editrici senza cadenza regola si sono date alla pazza gioia a farmi uscire tutto quello che seguo in una botta sola. ALE’.

sabato 27 settembre 2014

Sul comodino #8

sul comodino

Sono viva? Forse. Queste ultime due settimane mi hanno risucchiato talmente tanto che non mi sono neppure accorta che siano passate.
Ok. Non è un bene.

Ad ogni modo, FINALMENTE, sono riuscita a riprendere in mano un po’ di serie *saltella*

Aldnoa-Zero-02-610x839

Per prima cosa ho finito Aldnoah … e niente, sono ancora sotto shock per la fine. Avete presente quella cosa degli stadi per affrontare un morte? Ecco, io sono allo stadio numero uno. LA NEGAZIONE.
Sinceramente non so proprio cosa potrà mai accadere nella seconda parte a Febbraio: sono preoccupata. DAVVERO.

Per i la parte libresca, rido per non piangere.
Comunque ho finito di rileggere Il risveglio e iniziato la rilettura di Quasi tenebra della Ward: avendo fortuna, entro la prossima settimana dovrei aver letto Porpora e Senso, vedremo.
Seriamente, non vedo l’ora di rileggere il secondo libro: il mio amore per Rhage è arrivato a livelli assurdi dopo la rilettura del primo … come se già prima non fosse abbastanza---

Concluso anche Sticks and Stones e ora di domani sicuramente anche Fish and Chips: come immaginavo, se il primo volume è abbastanza “so and so”, questi due si rialzano, aggiustandosi su una linea che raggiunge sicuramente una buona media. Rimane una serie non spettacolare, però pian piano i caratteri si sono delineati e la struttura dei libri è più organica e meno dispersiva. Soprattutto l’alternarsi dei POV si è fatto più pulito, evitandomi il mal di testa del primo volume- Ad ogni modo, sono finita dal trovare piacevoli ad adorare alla follia Ty e Zane con il secondo libro, quindi mi sa che andrò spedita fino alla fine … sperando di non rimanerci troppo male con l’ottavo volume e incrociando le dita per l’ultimo in uscita a Marzo ;v;

In compenso ho finito di sistemare la libreria *VIVA ME*

20140927_161500 20140927_161536 20140927_161553

SAI ha deciso di abbandonarmi, quindi non ho potuto aggiungere delle scritte alle foto *sigh*
Ad ogni modo, mio padre ha finito di assemblare due piccoli mobiletti e io li ho prontamente “rubati” per metterli in soggiorno.
Finalmente questa stanza sta cominciando a raggiungere la decenza … se non fosse per la macchina da cucire sul tavolo e i vestiti appesi agli armadi …
Negli scaffali centrali si è liberato un bel po’ di spazio, ma visto che ad Ottobre farò un altro bell’ordine … non durerà per molto.
Lucca mi è saltata, quindi i soldi che avevo risparmiato per il viaggio e le stoffe li userò per consolarmi ;vvv;

--------------------

Ebbene, la prossima settimana?
Sicuramente andrò dritta come un treno continuando la Confraternita e Cut & Run: i libri sono molti, per quanto abbastanza brevi, quindi non so se riuscirò a leggere altro entro settembre.
Bello come ogni TBR che mi impongo vada sempre a monte *per non dire altro* 8D
Spero anche di riuscire a finire alcune delle serie estive, confidando anche nella collaborazione dei vari fansub: avrei da smantellare anche diversi manga, ma o leggo i libri o leggo i manga, ormai ho capito che devo andare a turni *meh*

E boh, non ho molto altro da scrivere … se non che Criminal Minds 9 mi sta deludendo fin troppo. Cia’ <3

mercoledì 24 settembre 2014

Top Ten Tuesday #1

E finalmente sono riuscita a trovare un template carino!
Facendo io schifo con l’html/css mi sono messa alla ricerca di qualcosina di carino ed ecco il risultato~
Forse è un po’ troppo “rosa”. E io ODIO il rosa. Ma è caramelloso(?) e a me piacciono le cose caramellose(???)

E sì, sono sparita un’altra volta, ma l’università mi sta uccidendo e quando ho del tempo libero, lo passo sul letto a leggere: scrivere? Non c’ho sbatta.
Comunque finalmente un pochino sto ingranando, quindi credo che da Ottobre dovrei iniziare ad essere puntuale … credo.

Comunque, potevo io, maniaca delle liste, non aggregarmi a questa rubrica? Ma certo che no! Dovevo, a rigor di logica, pubblicarlo ieri, ma ho avuto un problema improvviso e sono riuscita a finire il post solo oggi ;v;

top ten tuesday

Rubrica ideata da The Broke and the Bookish.

September 23: Top Ten Books On My Fall To-Be-Read list

 

 

1_Fish & Chips 2_porpora_ 7_dark soul

1# Fish & Chips di Madeleine Urban/Abigail Roux

Attualmente sto leggendo il numero due della saga, ma appena lo finirò mi butterò a pesce sul terzo, che come trama mi intriga pure *coff* Una volta finiti, li rileggerò tutti e tre in italiano: esatto, la casa editrice originale ha pubblicato diverse traduzioni del romanzo, tra cui l’italiano. Solo che NON è una traduzione di un madrelingua e, sinceramente, la cosa si fa sentire. Infatti l’unica edizione che comprerò sarà la cartacea in inglese.
Comunque, aldilà di tutti i suoi difetti (e non sono neppure pochi), Cut & Run mi distrae e tira su di morale come poche saghe fanno: Ty e Zane sono di fatto i miei antidepressivi in pillole(?).

2# Porpora di J.R. Ward

Parlavamo di antidepressivi? Ecco la saga numero due che è capace di farmi dimenticare i miei mali quando mi ritrovo ad essere uno straccio: la Confraternita.
Al momento sto finendo la rilettura del primo libro e finalmente, quando avrò finito quella del secondo …
Rhage di mamma mi sei mancato ;v;
… potrò continuarla, dopo che era rimasta in pausa per diversi anni.

3# Dark Soul I di Aleksandr Voinov

Ora, di lui non ho ancora letto nulla (ma ho in lista anche Special Forces), ma sono molto curiosa di leggere un M/M scritto da un uomo. E Voinov mi sembra abbastanza “dark” da poter rientrare nei miei gusti.

                           3_il quinto 8_breaking the rules

4# Veleno d’inchiostro di Cornelia Funke

Dopo aver letto quest’estate Cuore d’inchiostro, ecco qui il suo continuo, a cui seguirà sicuramente Alba, terzo e ultimo libro della trilogia~
Ammetto che la Funke non mi faccia impazzire, tuttavia è innegabile la sua immensa bravura, sia come sceneggiatura che come stile di scrittura.

5# Breaking the Rules di Suzanne Brockmann

Poteva mancare LEI? Lei che mi ha fatto versare tutte le mie lacrime con Jules e Robin? Ma certo che no! Questo è il 16esimo e attualmente ultimo libro della serie Troubleshooters e conclude le storie del libro precedente, Hot Pursuit. Sarà l’ultimo della serie, ma non per me.
*inserire risata malvagia*
Ho saltato parecchi dei libri precedenti, perciò ne avrò da recuperare per un bel po’~
P.S.: ma si sa qualcosa da Leggereditore? Continuerà questa serie oppure no? Perché in tal caso la recupero interamente in inglese per il cartaceo =/

4_angelology 9_shatter me 5_shadownhunters

6# Angelology di Danielle Trussoni

Sarà questa la volta buona che lo leggo? Non perché non mi ispiri (ANZI), ma la Trussoni ha uno stile molto “barocco” che richiede molta concentrazione nella lettura, cosa che io al momento non ho. Vedremo ;v;

7# Shatter Me di Tahereh Mafi

Se ne sente un gran parlare e quindi perché non provare?
In inglese perché la copertina italiana mi ha mandato in repulsione l’edizione nostrana: capisco che, con molta probabilità viste le altre edizioni, i diritti della cover originale erano chiusi, ma un po’ più di inventiva, su-

8# Shadownhunters. L’angelo di Cassandra Clare

Per quanto non trovi la Clare chissà che scrittrice (anzi, le rinfaccio parecchie cose), leggerla è sempre un piacere e di certo sa come tenerti incollata al libro. Inoltre sento spesso in giro dire che con Infernal Devices ha dato del suo meglio, cosa che mi incuriosisce parecchio devo dire 8D

                             6_segreto dei maghi 10_Divergent

9# Il segreto dei maghi di Trudi Canavan

Personalmente, trovo questa scrittrice australiana di YA una delle migliori che abbia mai letto. Con Black Magician Trilogy è riuscita a trattare di argomenti molto delicati con una maestria unica nel suo genere. Vedendola così potrà sembrare una storia come tante, invece esce parecchio fuori dai canoni abituali della sua categoria.
Dopo che avrò riletto i primi due, mi dedicherò alla lettura dell’ultimo capitolo della trilogia …
Anche se mi sono già andata a cercare gli spoiler all’epoca, quindi so che soffrirò.
… e a seguire verrà il prequel che ho in inglese e, prima o poi, recupererò anche la trilogia degli Ambasciatori <3

10# Divergent di Veronica Roth

Last but not least, Divergent e seguiti.
Perché la mia curiosità è atroce e sono in fase letture leggere/YA.

-----------------------------------------

Ed ecco qua la mia prima top ten~
Non c’è nessun libro di narrativa o classici, sono tutti Adult o YA, me ne rendo conto. E invece ne avrei parecchi del genere da recuperare ;___; Ma al momento a malapena mi ricordo il mio nome, direi che non ho la testa per letture impegnate ;_;

lunedì 15 settembre 2014

Se avete amato A, allora amerete anche B

In un momento di follia mi è passata quest’idea per la testa e non potevo fare a meno di buttarla giù.

Come si sarà capito, io amo moltissimo l’animazione giapponese e allo stesso tempo mi dispiace molto vedere alcuni suoi titoli “relegati” nella sfera ""otaku"", sconosciuti a chiunque non si sia mai avvicinato a questo enorme ambito dell’arte. Inutile dire che la maggior parte non ci si avvicina per una specie di snobismo dovuto al fatto che siamo abituati a collegare l’animazione giapponese ad opere infantili o dallo spessore di una sottiletta. Il mercato dell’animazione in Giappone, bisogna ammetterlo, è ingolfato dall’enorme quantità di opere commerciali: il 90% delle serie che escono ad ogni stagione, infatti, è una trasposizione di una light-novel, di un manga o di un videogioco. E no, non è come con i nostri telefilm o film: la trasposizione ha davvero SOLO un fine prettamente economico e di “volantinaggio” per la serie da cui è tratto, tanto che risulta per lo più incompleta, mollata ad una sola stagione e proseguita solo in caso di alte vendite dei BD/DVD. Sono pochissimi i casi in cui una trasposizione sia abbastanza buona da essere vista slegata dalla sua controparte originale.
E questo accade per lo più per serie precedenti al 2010. E più si va indietro, più le trasposizioni erano ben fatte e slegate dall’ambito economico.

Ora, all’interno di questo calderone di opere, ce ne sono alcune che meritano di essere viste. Dei veri e propri MUST per chi ama la letteratura, la sociologia, la filosofia e chi più ne ha più ne metta. Opere con uno spessore pari a quello dei grandi classici. E che, per i motivi sopra elencati, rimangono relegati nella loro piccola nicchia e sconosciuti al mondo intero.
Con questa rubrica vorrei consigliarvi …
Minacciarvi se non li vedete.
… alcuni titoli in base a libri o generi che sono conosciuti nel panorama letterario.

Il primo appuntamento sarà con il genere che più è in voga in questo momento: IL DISTOPICO.
Dallo YA con Divergent e Hunger Games, fino al padre del genere, 1984. Se avete amato uno solo di questi libri non potete farvi sfuggire questi tre titoli: Toward the Terra, Eden of the East e Psycho-Pass. E parlo anche a coloro che amano e leggono per lo più letteratura impegnata: soprattutto con Psycho-Pass troveranno pane per i loro denti.
Domani partirò con il primo di questi tre, Toward the Terra (che altrimenti mi verrebbe un post chilometrico se li unissi tutti e tre).
Intanto vi lascio le tre sigle con “assaggio”:

Ci tengo a precisare due cose: la sigla di Toward the Terra non rispecchia molto la serie (che è tratta da un manga pubblicato alla fine degli anni ‘70 e vincitore del premio Shogakukan, il più alto e importante premio sulla scena fumettistica giapponese), di cui parlerò abbondantemente nel prossimo post, perciò non fatevi ingannare.
Mentre le altre due sono piene di simboli, anche quella di Psycho-Pass, per quanto vista così magari non sembri.
E sì, la sigla di Eden of the East è degli Oasis.
Serie che conosco, ma che devo vedere in settimana 8D Ma visto i temi ci tenevo ad inserirla, visto che merita.

Spero di avervi incuriosito almeno un po’ e vi aspetto nel primo vero post di questa rubrichina ;v; <3

P.S.: farò anche un piccolo speciale con un altra serie che ho amato, NO.6, ma che per quanto tratti anche lei il distopico, non merita in senso “stretto”, perché la sua trasposizione animata non rende piena giustizia alla light-novel di base.

domenica 14 settembre 2014

I wish … #3

Ed eccomi qui per la terza volta con questa rubrichina.
Con un giorno in anticipo causa università ;v;
Ogni mese la mia wishlist su Amazon aumenta vertiginosamente e ogni mese fare una scelta di titoli è sempre più difficile … Ad ogni modo, ecco i miei 4+1 titoli di questo mese <3

amore sciocco barrayar tara

1# L’amore di uno sciocco di Jun’ichiro Tanizaki

Poteva forse mancare? Ormai Tanizaki è un autore fisso in questa rubrica: ho amato così tanto Le storie di Yokohama che vorrei leggere tutte le sue opere nel minor tempo possibile. Appena l’operazione “recupero Ward-Rice” sarà completata, mi occuperò di lui.
P.S.: la protagonista è Naomi, la “sorellina” del Tanizaki di Bungo Stray Dogs, motivo in più per volerlo leggere <3

2# Barrayar di Lois McMaster Bujold

Lessi diversi anni fa L’onore dei Vor e mi innamorai della loro storia. Poi per un lungo periodo non ho più letto e questa saga è finita nel dimenticatoio. Barrayar è il numero due e insieme al numero uno, cioè proprio L’onore dei Vor, è il migliore dell’intera saga. Attualmente è esaurito, ma spero di recuperarlo in qualche modo, possibilmente in questa edizione.

3# Vita di Tara di Graham Joyce

Di questo titolo ho sentito parlare molto bene e leggendo spezzoni in giro mi ha incuriosito parecchio. Il fatto che non esista (e probabilmente non esisterà mai) un’edizione economica mi frena molto, ma chissà … in futuro magari.

               uccelli evangelion

4# Gli uccelli di Aristofane

Se c’è un autore “datato” che amo, questo è Aristofane: in casa ho Le rane e ogni volta che lo sfoglio rotolo dal ridere.
Alcune frasi le so addirittura a memoria *pff*
Gli uccelli è un “utopico” ante-litteram, di cui avevamo letto in classe alcune parti … provocando rotolamenti vari (aver avuto come docente di greco un attore, anche se amatoriale, aveva i suoi pregi *le coff*).
Spero prima o poi di riuscire a leggere qualche altra sua opera ;v;

5# Neon Genesis Evangelion –Platinum Edition-

L’amore sconfinato per questo titolo mi ha colpito non molti anni fa. Parlare di Evangelion non è semplice: c’è la serie, ci sono i due OAV, i quattro film, il manga principale e tutti gli spin-off. Ed ognuno è legato indissolubilmente a quell’altro. Per fortuna stiamo parlando di un progetto multi-piattaforma ben congeniato e ogni singola opera è completa e visibile anche da sola: anche se la serie è molto “sui generis”.
Infatti la suddetta NON è uno SF, non è un mecha … è il corrispettivo di un romanzo di formazione, uno psicologico. Ed è anche forse una delle serie più simboliche e astruse che abbia mai visto.

Desidero da tempo poter avere in mano le varie “parti” di Eva, spero prima o poi di farcela <3
Ho messo la sigla perché è una delle mie preferite in assoluto e fare pubblicità non fa mai male 8D

sabato 13 settembre 2014

Sul comodino #7

Rinasco dalle ceneri dopo due settimane da suicidio. In qualche modo sono riuscita a non morire (più o meno): quest’anno sarà dura. Spero di riuscire a sopravvivere in qualche modo.

READ/WATCHED

               speciale-trilogia-delle-gemme-L-RtDCbi cutrun

Della Trilogia delle Gemme di Kerstin Gier ho già parlato nel post sotto: avevo sentito degli ottimi pareri e inoltre la TEA faceva gli sconti. Lettura piacevole, durata tre giorni (e per un numero totale di più di 1000 pagine non è male), ma che non mi ha lasciato molto. Tranne la voglia di cucire uno degli abiti di Gwendolyn. La Gier è una brava scrittrice e se vi piacciono gli YA è sicuramente un’ottima serie.

Cut & Run #1 di Abigail Roux e Madeleine Urban.
Cut & Run. Partiamo da ciò che non mi è piaciuto: i continui salti NON SEGNALATI dei POV che ti mandano in confusione il cervello e non ti fanno più capire di chi siano i pensieri; i molti TROPPI WTF. Detto questo, io questa coppia la adoro. Non mi ha rapito il cuore come Jules e Robin (la Brockmann è sempre la Brockmann), ma di certo mi ha fatto schiantare dalle risate più di una volta. Inoltre adoro i romance che si mischiano con il thriller e anche se in questo caso è molto “telefilm-izzato”(?), l’ho trovato comunque piacevole.
E poi vedere che le mie teorie erano esatte mi ha fatto nascere il mio sorriso da autocompiacimento 8D
Ho letto che finirà a Maggio con il volume nove e il volume otto è stata una delusione totale anche per gli stessi fan della serie. Ho paura. Di contro per quanto questo volume sia molto “so and so”, sembra che dal due migliori notevolmente, soprattutto per quanto riguarda il problema dei POV. Alleluia! Comunque credo che farò una recensione non appena concluderò il volume tre, in modo da suddividerli in altrettanti tre gruppi.

tan

Delle Storie di Yokohama non ho parlato la volta scorsa, ma ci tenevo a scrivere almeno un piccolo pensiero veloce.
Ero partita con l’idea di trovarmi davanti tre racconti autobiografici, probabilmente noiosi, e ho mandato maledizioni alla docente per aver scelto fra tutti i racconti di Tanizaki quelli meno interessanti. Con mia grande sorpresa non è stato così. Tranne “Gente del porto” che non è nulla di particolare, essendo in realtà l’unico autobiografico, gli altri due mi hanno rapito totalmente con le loro atmosfere oniriche e le riflessioni filosofiche. Ho adorato questo libro e spero davvero di poter leggere il prima possibile altro di Tanizaki.

 

TBR DI SETTEMBRE

Siamo ancora agli inizi di settembre, perciò ecco la mia “lista” di libri che leggerò questo mese~

20140912_130445

Per quanto riguarda i cartacei, completerò tre trilogie: The Black Magician della Canavan sarà una rilettura in pratica e già mi preparo ai pianti visto che conosco il finale; finirò anche Ink~ (non so se ha un nome preciso, io la chiamo così per via del fatto che tutti i suoi titoli iniziano con Ink) della Funke, di cui avevo letto due mesetti fa Cuore d’Inchiostro; infine The Infernal Devices della Clare, di cui sento parlare bene e dovrebbe essere scritto meglio della saga principale … vedremo.
A questo si aggiunge il primo della saga Fallen Angels della Ward: la saga è stata interrotta in Italia, perciò recupererò i seguiti in inglese (Arde la notte è esaurito infatti ;v;).
Da aggiungere l’altra saga della Ward (che mi sono dimenticata di fotografare 8D), quella sulla Confraternita del pugnale nero: l’avevo lasciata a marcire tempo fa, ma ora la riprenderò in mano dall’inizio. Questa saga mi conforta sempre nei momenti brutti e in questo momento ne ho davvero bisogno.

Per quanto riguarda i file sull’app di Kindle, sicuramente Visible Friend e The Last Thing He Needs per le short-stories M/M e sulla stessa scia ci sono anche Sticks & Stones e Fish & Chips, i rispettivi numeri due e tre della serie Cut & Run. Per il resto … non saprei: sarà una sorpresa giorno per giorno(?)

 

Ahimè in queste due settimane non ho letto molto, ma spero di riuscire a trovare un equilibrio il prima possibile, visto che qualche idea in testa ce l’avrei … mi manca solo il tempo di metterla in atto ;v;
E ora passo a scrivere un altro post, che il 15 si avvicina e io non ho buttato giù ancora nulla~

Popular Posts

© Aiko's Wonderland 2012 | Blogger Template by Enny Law - Ngetik Dot Com - Nulis