domenica 19 ottobre 2014

The Ultimate Book Tag

booktag

Ho visto questo “piccolo” tag su Il Magico Mondo dei Libri e non ho resistito ;vvv; <3

1. Leggere mentre stai viaggiando in macchina ti da fastidio?

Mi fa vomitare. No, sul serio, non è una battuta. DAVVERO mi viene la nausea. Anche solamente girare la testa in macchina mi fa salire l’acido, provare a leggere è fuori questione. In compenso non ho problemi in treno, dove riesco perfino a scrivere in giapponese: e se si riesce a scrivere un kanji in mezzo agli scambi delle grandi stazioni, si può fare tutto. Una sola volta ho preso l’aereo e ho provato a leggere, ma soffro il mal d’aria e solo alzare la testa dal sedile mi fa vedere le stelle ;v;

2. Lo stile di scrittura di quale autore è unico per te e perché?

E qui vado ad occhi chiusi: J.R. Ward. Io AMO quella donna: sarà sboccata e spinta, ma io la adoro come poche. Adoro il suo stile a pov alternati, la grande attenzione che riserva ad ogni suo personaggio, anche il può piccolo e liminale. E poi dà una focalizzazione interna anche agli antagonisti, una cosa che mi manda in brodo di giuggiole ;*; Amo anche quello di Suzanne Brockmann e Trudi Canavan per motivi simili~
Apprezzo anche le prime persone, ma è più difficile entrare nelle mie corde proprio per questo mio amore spropositato per i pov alternati. Tuttavia amo molto Anne Rice, Jacqueline Cary (anche se sono ancora indietro) e per quanto ricordi anche Susan Hubbard.
Ah, doveva essere solo uno? Almeno mi sono fermata, perché ne avrei tanti altri 8D (Sakaguchi non mi sono dimenticata di te <3)

3. La serie di Harry Potter o la saga di Twilight? Fornisci tre perché.

Due saghe che non ho amato. Twilight proprio NO: ha fatto un errore madornale che non posso perdonarle. Quindi scelgo Harry Potter:

  • Non l’ho amato, ma è stata più che altro una questione personale;
  • La Rowling, per quanto ho letto, è una scrittrice fenomenale ed è riuscita a creare un mondo davvero ben fatto dove far muovere personaggi altrettanto ben fatti;
  • Ha fatto crescere una generazione, ha accompagnato dei bambini nella loro crescita verso l’età adulta con insegnamenti positivi e, certamente, rimarrà nel cuore di tutti loro per tutta la vita.

4. Porti con te una borsa per i libri? Se si, cosa c'è dentro al momento (oltre ai libri ovviamente)?

Se esco, esco per fare compere e/o passeggiare in compagnia oppure vado in università: quindi non mi porto, generalmente, dietro libri. Qualche volta in università se ho ore buche o prendo treni poco frequentati (difficile quando la tratta Bologna-Venezia è sempre piena di turisti-urlatori 8D), ma capita di rado. Quindi non ho mai avuto una borsa per i libri come Meggie in Cuore d’Inchiostro … anche se mi dispiace ;;

5. Annusi i tuoi libri?

*coff coff* Anche troppo. Una volta o due mi sono capitati libri che sapevano da petrolio, ma non mi hanno fermato. E la puzza di petrolio è orribile, davvero.

6. Libri con o senza piccole illustrazioni?

Generalmente con ;v; Adoro le piccole illustrazioni ad inizio capitolo, che siano “semplici” lettere miniate e/o “ghirigori” oppure vere e proprie illustrazioni. Se non ci sono non ne faccio un problema, ma se ci sono li apprezzo un pelino di più <3

7.Quale libro hai adorato mentre lo stavi leggendo per poi scoprire, dopo, che non era di altissima qualità?

The Mortal Instruments di Cassandra Clare. Continuo ad adorare la storia della Clare, ma arrivata alla fine della prima trilogia non ho potuto fare a meno di paragonarla ad un’altra autrice di YA, la Canavan con la sua The Black Magician Trilogy e … beh, mi sono cadute le braccia. Non sto neppure ad elencare cosa mi fece e ancora mi fa girare i cocò nello stile della Clare se no facciamo notte, ma dico solo che ci sono rimasta parecchio male.

8. Qualche storiella divertente (del periodo della tua infanzia) riguardante i libri? Racconta!

A parte quella sulle mie tendenze psicotiche più sotto? Hmm … Diciamo che quand’ero piccola tendevo a leggere qualche libro in prestito, solo che, bella scema, mi bloccavo anche per un mese intero in un punto e non li continuavo più. Poi si avvicinava il momento in cui dovevo riportarli e *puff* ingranavo e li finivo in due giorni. Esempi? Lo Hobbit, Viaggio al centro della Terra o Piccole Donne. Seriamente, che problemi avevo?

9. Qual è il libro più sottile della tua libreria?

Oddio … libro? Ho diverse short-stories che quindi sono sottilissime, ma se parliamo di libri … forse Lo strano caso del Dr. Jekyll e di Mr. Hyde? Ma è considerabile un romanzo?

10. Qual è il libro più spesso della tua libreria?

Il quinto giorno di Frank Schätzing. Con le sue 1032 pagine, si aggiudica il primato su I pilastri della Terra, anche se solo per due pagine.

11. Ti piace scrivere così come adori leggere? Nel futuro, ti immagini scrittrice?

Ho sempre amato alla follia scrivere, più di quanto ami leggere. Ahimè non mi considero una brava scrittrice né vedo nel mio futuro la possibilità di diventarlo, quanto meno non a livello professionale. Però continuerò a scrivere, nella speranza di migliorare, anche perché sono molte le storie che ho in testa.

12. Quando sei entrata nel mondo della lettura?

Oddio, entrata entrata mai forse. Io ho sempre letto e continuo a leggere a periodi, soprattutto visto che la lettura è una delle mie tre passioni principali … ma sempre una delle tre. Credo comunque che sia accaduto qualcosa di simile alle elementari, visto che passavo le vacanze estive in campagna con mia nonna e mia mamma, senza però bambini della mia età con cui giocare. Il pomeriggio, quando loro due dormivano e si doveva fare silenzio, lo passavo a leggere tutto quello che mi passava sotto mano: dai numeri di Topolino, alle Witch, ai libri del Battello a Vapore o di Dahl. E una volta anche un manuale sull’embriologia e le malattie derivate (idrocefalia e via dicendo): no, non ne rimasi traumatizzata. E poi mi chiedo perché ho tendenze psicotiche, va be’.

13. Il tuo classico preferito?

Cime Tempestose di Emily Bronte. Forever and ever.

14. Letteratura Italiana era la tua materia preferita a scuola?

Per colpa della mia docente, no. Però adoravo la letteratura al di fuori delle ore a scuola.
Materia preferita? Astrofisica e fisica.
Studio Giapponese, lo so, non ha senso.

15. Se qualcuno ti regalasse un libro che hai già letto e che non ti è piaciuto, cosa faresti?

Da brava pazza collezionista con tendenze all’accumulo, lo terrei solo perché legato al ricordo di quella persona ;v;

16. Una serie poco conosciuta e molto simile a quella di Harry Potter o Hunger Games?

The Black Magician Trilogy di Trudi Canavan, uscita in Italia prima in Nord e poi in Tea insieme al romanzo prequel e alla trilogia sequel.
Ora, Harry Potter è un middle-grade generalmente, mentre la saga della Canavan uno YA: tante sono le differenze, però pur di spammare questa saga mezza sconosciuta farei di tutto.

17. Una brutta abitudine che hai mentre filmi?

In questo caso lo cambierei in “mentre leggo”: ho la concentrazione di un suricato, quindi mi capita spesso di incantarmi o continuare a vedere quanto manca alla fine. Davvero, è più forte di me, ma dovrei smetterla e concentrarmi di più sui libri che leggo.

18. Qual è la tua parola preferita?

Oddio, io una parola preferita che uso in ogni frase ce l’ho, ma non è molto “signorile” … sarebbe “c***o” o “f**k” e coniugazioni(?) in inglese.
Capitemi, sono veneta. Già tanto che sono credente e quindi non bestemmio.

19. Ti definiresti nerd, dork (ottuso) o un dweeb (secchione)?

Nessuno dei tre? Sono un’appassionata e stop. Ho imparato ad odiare letteralmente questo genere di etichette quando affibbiate alle persone a partire dal “caso otaku”.

20. Vampiri o fate? Perché?

Per non essere monotematica dico fate, soprattutto quando sono rivisitate in chiave crudele, come in Fairy Cube della Kaori Yuki ;*; Ma in realtà sarebbero i vampiri *coff*

21. Mutaforma o angeli? Perché?

Angeli. Angeli. ANGELI. La mia migliore amica è anche un’appassionata di angelologia, ma pure io ho un feticismo per gli angeli e correlati.
Abbiamo sbavato per mezzora davanti al Mausoleo del Canova che si trova dentro i Frari a Venezia. QUELL’ANGELO PORC----

22. Spiriti o lupi mannari?

Oddio … boh? Non ho preferenza in questo caso. Anche perché non ho letto molto in entrambi i casi.

23.Zombie o vampiri?

Vampiri. VAMPIRI. Dal classico, al moderno, al contemporaneo. Basta che sia trattato bene. Ma se tra le mie autrici preferite c’erano la Ward e la Rice era abbastanza palese, direi *coff*

24. Triangolo amoroso o amore proibito?

Apprezzo entrambi in linea di massima, dipende sempre dalla bravura dell’autrice nel trattarli.

25. E INFINE: preferisci libri completamente romantici oppure d'azione con un po' di scene romantiche?

COL CAVOLO. Io AMO l’action e, di riflesso, tutto ciò che è troppo romanticoso o stopposo non lo sopporto. Cioè, dai, Cime Tempestose è l’anti-romance per eccellenza, era prevedibile!
Tuttavia voglio provare a leggere qualche New Adult a tema prettamente romantico … chissà. Ripeto: per me tutto sta nella bravura dell’autrice in questi casi.

 

Ed eccoci alla fine <3 Chiunque voglia farlo si senti libero ;*;/

5 commenti:

  1. Ma che tag interessante ** Lo farò sicuramente! Belle le tue risposte :D

    RispondiElimina
  2. Mi sono piaciute molto le tue risposte :) Grazie per avermi citata!

    RispondiElimina
  3. (Blogger si rifiuta di mostrarmi il tasto "rispondi", uè ;v;)

    MissDafne: E io verrò a leggere le risposte *A*

    Giulia: Grazie mille ;v; E di nulla: dare a Cesare quel che è di Cesare <3

    RispondiElimina
  4. Ciao! ^^ Ho appena scoperto il tuo blog e mi piace tanto *-*
    Comunque carinissimo il tag, l'ho fatto anche io qualche giorno fa :)

    RispondiElimina
  5. Awwww, grazie mille ;****;
    Ohhh *A* Verrò sicuramente a dare un'occhiata *v*

    RispondiElimina

Popular Posts

© Aiko's Wonderland 2012 | Blogger Template by Enny Law - Ngetik Dot Com - Nulis